facebook      instagram

8 MARZO

IL DRAMMA DI MOLTE BAMBINE E RAGAZZE


La situazione delle donne, parlando dei tempi piú recenti, é in gran parte migliorata. Sui social si possono osservare seguitissime campagne a favore della paritá di genere e nel nuovo volume di Terre des hommes*, uscito lo scorso 10 ottobre, si attestano i passi avanti fatti nel settore dell'educazione: nel Nord del Mondo si é raggiunta infatti equitá tra maschi e femmine.

Invece, per quanto riguarda il Sud del Mondo, gli esperti del World Economic Forum hanno calcolato che, se le iniziative riguardanti l'istruzione paritaria fossero rimaste invariate, nel 2032 si sarebbe potuto raggiungere l'obiettivo della paritá di genere in campo dell'istruzione. Purtroppo, a causa della crisi economica dovuta al Sars Cov 2, si registra giá oggi e ancor piú nei prossimi anni, una notevole regressione in questo ambito.

Ad oggi sono evidenti l'impegno e i risultati ottenuti in favore della paritá di genere, ma sfortunatamente questo non basta, soprattutto adesso che la situazione é stata aggravata dal Covid.
Il percorso per abbattere la disparitá infatti é ancora molto lungo.
Ogni anno circa 15 milioni di bambine e ragazze minorenni sono costrette a sposarsi con uomini molto piú grandi di loro e, secondo l'Organizzazione per la sanitá, circa 120 milioni di ragazze con meno di 20 anni hanno subito violenze sessuali. Inoltre, come mostra il dossier, realizzato durante la campagna Indifesa**, tra i reati sui minori le vittime in prevalenza sono femmine. Nel caso di violenze sessuali aggravate la percentuale femminile é dell'83%, mentre é del 78% per quanto concerne alla corruzione di minorenne, ovvero un reato riguardante ragazze sotto i 14 anni, costrette ad assistere ad atti sessuali. E cosí via. Purtroppo le categorie sono tante altre ancora.

Come si dice spesso, non c'é mai limite al male: 1,4 milioni di bambine e ragazze, questo é il numero che si é stimato nel 2020, sono a rischio di mutilazione genitale. In Somalia il 98% della popolazione femminile é stata sottoposta ad infibulazione.
Anche in questo caso la pandemia ha avuto un impatto negativo: uno degli episodi piú eclatanti si é registrato in Egitto, durante la quarantena: tre sorelle minorenni, con la scusa di ricevere il vaccino contro il Covid-19, sono state portate dal padre presso un medico, che dopo averle sedate, ha eseguito la mutilazione genitale insieme al genitore, pratica illegale dal 2006 e che costituisce reato dal 2016.
Nessuno fino ad ora era mai stato perseguito, ma ció é stato possibile grazie alla madre delle ragazze, che ha denunciato e lasciato il marito.
Questo episodio é peró solo la punta dell'iceberg: la pandemia ha contribuito alla creazione di circoncisori, che andavano di porta in porta durante il periodo del lockdown, quando le ragazze erano costrette a casa.

Di fronte a tutto ció c'é bisogno di conoscere e di opporsi, affinché il diritto e la dignitá delle bambine siano sempre e ovunque rispettate.

Nicole Suglia

*Associazione creata nel 1960, che si impegna a proteggere i bambini di tutto il mondo dalla violenza, dall'abuso e dallo sfruttamento, al fine di garantire ad ogni bambino scuola, cure mediche, educazione informale e cibo.

**Campagna lanciata da Terre des Hommes l'11 ottobre 2012, volta a difendere il diritto femminile alla vita, alla libertá, all'istruzione, all'uguaglianza ed alla protezione.


Consulta provinciale degli studenti - GENOVA
Via Assarotti, 38 - stanza 35 - 16122 Genova - consultaprovinciale.ge@gmail.com>